Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Valori di colesterolo LDL inferiori a 70 mg/dL nei 5 anni dopo l'ictus associati a riduzione dei principali eventi cardiovascolari


I risultati di uno studio hanno indicato che il raggiungimento di un livello target di colesterolo LDL al di sotto di 70 mg/dL nei 5 anni successivi a un ictus ischemico è associato a una riduzione del 25% delle emorragie intracraniche.

È noto che la durata dell'esposizione alla terapia intensiva con statine è correlata a una riduzione degli eventi cardiovascolari.
Tuttavia, nonostante le raccomandazioni delle lineeguida multiple per tale trattamento a seguito di ictus ischemico aterosclerotico o attacco ischemico transitorio ( TIA ), il livello target di colesterolo LDL ottimale rimane non-specificato.

In questa sottoanalisi di TST ( Treat Stroke to Target ), uno studio randomizzato guidato dagli eventi, l'impatto di un target di colesterolo LDL inferiore a 70 mg/dL sugli eventi cardiovascolari è stato valutato su 2148 pazienti francesi di età superiore a 18 anni, che sono stati arruolati nel periodo 2010-2018.
La coorte è stata divisa in un rapporto 1:1 in base al livello target di colesterolo LDL: inferiore a 70 mg/dL ( gruppo sperimentale; n = 1073; età media, 67.2 anni; 67.8% uomini ) e intervallo target di 90-110 mg/dL ( gruppo di controllo; n = 1075; età media, 67.6 anni; 68.9% uomini ).

Tutti i partecipanti avevano sofferto di un recente ictus ischemico o TIA e avevano stenosi aterosclerotica cerebrovascolare o placca dell'arco aortico ( superiore a 4 mm ).
I medici hanno prescritto il trattamento con le statine e il dosaggio ritenuto appropriato, con la possibilità di aggiungere Ezetimibe, se necessario.

L'endpoint primario dello studio era l'incidenza di un composito di ictus ischemico non-fatale, infarto miocardico non-fatale, morte cardiovascolare, e urgente rivascolarizzazione carotidea o coronarica.

Nel corso del follow-up, a intervalli di 6 mesi, sono stati misurati i livelli di colesterolo LDL.

Dopo un follow-up mediano di 5.3 anni, i livelli medi di colesterolo LDL erano 66 mg/dL nel gruppo sperimentale e 96 mg/dL nel gruppo di controllo.

Durante il follow-up, si sono verificati esiti compositi nel 9.6% dei pazienti con più basso target di colesterolo LDL ( n = 103 ) e nel 12.9% dei partecipanti con target 90-110 mg/dL ( n = 139; hazard ratio [ HR ], 0.74 [ IC 95%, 0.57-0.94 ]; P = 0.019 ).

Ci sono state riduzioni significative nei pazienti con più basso target di colesterolo LDL nell'incidenza di alcuni componenti della misura composita: l'infarto cerebrale o l'incidenza di urgente rivascolarizzazione carotidea è risultata ridotta del 27% ( HR, 0.73; IC 95%, 0.54-0.99; P = 0.046 ), mentre l'infarto cerebrale o l'emorragia intracranica è diminuito del 28% ( HR, 0.72; IC 95%, 0.54-0.98; P = 0.023 ).

L'outcome primario o l'incidenza di emorragia intracranica era inferiore del 25% nei partecipanti con livelli di colesterolo LDL inferiori a 70 mg/dL vs 90-110 mg/dL ( HR, 0.75; IC 95%, 0.58-0.96; P =0.021 ).

Emorragie intracraniche si sono verificate in 13 pazienti ( 1.2% ) nel gruppo sperimentale e in 11 nel braccio di controllo ( 1.0% ) ( HR, 1.17; IC 95%, 0.53-2.62; P = 0.70 ). ( Xagena2020 )

Fonte: Stroke, 2020

Neuro2020 Endo2020 Cardio2020 Farma2020


Indietro