Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Stenting per stenosi sintomatica dell'arteria vertebrale


La stenosi dell'arteria vertebrale sintomatica è associata a un alto rischio di ictus ricorrente, con rischi più elevati di stenosi intracranica rispetto a quella extracranica.
La stenosi dell'arteria vertebrale può essere trattata con lo stent con buoni risultati tecnici, ma non è sicuro se si traduca in un miglioramento degli esiti clinici.

È stato confrontato lo stenting vertebrale con il trattamento medico per la stenosi vertebrale sintomatica.

È stata effettuata un'analisi pre-pianificata dei dati dei singoli pazienti di tre studi controllati randomizzati completati confrontando lo stenting con il trattamento medico in pazienti con stenosi vertebrale sintomatica.

L'esito primario era qualsiasi ictus fatale o non-fatale.

Sono state eseguite analisi per la stenosi vertebrale in qualsiasi sede e separatamente per le stenosi extracraniche e intracraniche.

I dati provenivano da 354 individui di tre studi, tra cui 179 pazienti da VIST ( 148 con stenosi extracranica e 31 con stenosi intracranica ), 115 pazienti da VAST ( 96 con stenosi extracranica e 19 con stenosi intracranica ) e 60 pazienti con stenosi intracranica da SAMMPRIS ( nessun paziente aveva stenosi extracranica ).
In tutti gli studi, 168 partecipanti ( 46 con stenosi intracranica e 122 con stenosi extracranica ) sono stati assegnati in modo casuale a cure mediche e 186 a stenting ( 64 con stenosi intracranica e 122 con stenosi extracranica ).

Nel gruppo di stent, la frequenza di ictus o morte periprocedurale è stata più elevata per la stenosi intracranica rispetto alla stenosi extracranica ( 10 su 64 pazienti, 16%, vs 1 su 121 pazienti, 1%; P minore di 0.0001 ).

Durante 1.036 anni-persona di follow-up, l’hazard ratio ( HR ) per qualsiasi ictus nel gruppo di stenting rispetto al gruppo di trattamento medico è stato 0.81%; P=0.47 ).
Per la sola stenosi extracranica, l'hazard ratio è stato pari a 0.63 e per la sola stenosi intracranica è stato pari a 1.06 ( P=0.395 ).

Lo stent per la stenosi vertebrale presenta un rischio molto più elevato di stenosi intracranica, rispetto alla stenosi extracranica.
L’analisi aggregata non ha mostrato evidenze di un beneficio per la prevenzione dell'ictus per entrambi i trattamenti.
Non ci sono prove di benefici dello stenting per la stenosi intracranica.
Lo stent per stenosi extracranica potrebbe essere utile, ma sono necessari ulteriori studi più ampi per determinare l'effetto del trattamento in questo sottogruppo. ( Xagena2019 )

Markus HS et al, Lancet Neurology 2019; 18: 666-673

Neuro2019



Indietro