Vertigini
Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

Sicurezza ed efficacia di Tocilizumab rispetto ad Azatioprina nel disturbo dello spettro della neuromielite ottica altamente recidivante: studio TANGO


L'Azatioprina è usata come trattamento di prima linea per prevenire le recidive del disturbo dello spettro della neuromielite ottica ( NMOSD ).
È stato riportato che Tocilizumab ( RoActemra ) riduce l'attività di malattia nel disturbo dello spettro della neuromielite ottica in casi clinici retrospettivi.
Sono state confrontate la sicurezza e l'efficacia di Tocilizumab e Azatioprina nei pazienti con disturbo NMOSD altamente recidivante.

È stato condotto uno studio in aperto, multicentrico, randomizzato, di fase 2 in sei ospedali in Cina.
Sono stati reclutati pazienti adulti di età a partire da 18 anni con disturbo NMOSD altamente recidivante diagnosticati secondo i criteri del 2015 IPND ( International Panel for Neuromyelitis Optica Diagnosis ), che avevano un punteggio alla scala EDSS ( Expanded Disability Status Scale ) di 7.5 o inferiore e avevano una storia di almeno due recidive cliniche nei 12 mesi precedenti o tre recidive nei 24 mesi precedenti con almeno una recidiva nei 12 mesi precedenti.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Tocilizumab per via endovenosa ( 8 mg/kg ogni 4 settimane ) oppure Azatioprina orale ( 2–3 mg/kg al giorno ).
La durata minima pianificata del trattamento è stata di 60 settimane dopo la randomizzazione.

L'esito primario era il tempo alla prima recidiva nel set completo di analisi, che includeva tutti i pazienti assegnati in modo casuale che avevano ricevuto almeno una dose del farmaco in studio, e la popolazione per protocollo, che includeva tutti i pazienti trattati con Azatioprina o Tocilizumab come monoterapia.
Per l'analisi dell'esito primario, i pazienti sono stati prespecificati in due sottogruppi in base allo stato concomitante di malattia autoimmune.
La sicurezza è stata valutata nel set di analisi completo.

Tra il 2017 e il 2018 sono stati arruolati 118 pazienti, di cui 59 assegnati in modo casuale a Tocilizumab e 59 assegnati in modo casuale ad Azatioprina.
Tutti i pazienti ( n=118 ) hanno ricevuto una dose del farmaco in studio e sono stati inclusi nel set di analisi completo.
108 partecipanti sono stati inclusi nell'analisi per protocollo, 56 nel gruppo Tocilizumab e 52 nel gruppo Azatioprina.

Nel set di analisi completo, il tempo mediano alla prima recidiva è stato più lungo nel gruppo Tocilizumab rispetto al gruppo Azatioprina ( 78.9 settimane vs 56.7 settimane; P=0.0026 ).
8 pazienti su 59 ( 14% ) nel gruppo Tocilizumab e 28 su 59 ( 47% ) nel gruppo Azatioprina hanno presentato una recidiva alla fine dello studio ( hazard ratio, HR=0.236; P minore di 0.0001 ).

Nell'analisi per protocollo, 50 su 56 pazienti ( 89% ) nel gruppo Tocilizumab erano liberi da recidiva rispetto a 29 su 52 pazienti ( 56% ) nel gruppo Azatioprina alla fine dello studio ( HR=0.188; P minore di 0.0001 ); anche il tempo mediano alla prima recidiva è stato più lungo nel gruppo Tocilizumab rispetto al gruppo Azatioprina ( 67.2 settimane vs 38.0; P minore di 0.0001 ).

Nell'analisi di sottogruppo prespecificato dell'insieme completo di analisi stratificato per malattie autoimmuni concomitanti, tra i pazienti senza malattie autoimmuni concomitanti, 3 su 34 pazienti ( 9% ) nel gruppo Tocilizumab e 13 su 37 pazienti ( 35% ) nel gruppo Azatioprina avevano recidivato entro la fine dello studio.

Tra i pazienti con malattie autoimmuni concomitanti, una percentuale inferiore di pazienti nel gruppo Tocilizumab ha avuto una recidiva rispetto al gruppo Azatioprina ( 5 su 25 pazienti, 20%, vs 15 su 22 pazienti, 68%; HR=0.192; P=0.0004 ).

In tutto 57 pazienti su 59 ( 97% ) nel gruppo Tocilizumab e 56 su 59 ( 95% ) nel gruppo Azatioprina hanno manifestato eventi avversi.
Eventi avversi associati al trattamento si sono verificati in 36 pazienti su 59 ( 61% ) trattati con Tocilizumab e in 49 su 59 pazienti ( 83% ) trattati con Azatioprina.
Un decesso ( 2% ) si è verificato nel gruppo Tocilizumab e uno ( 2% ) nel gruppo Azatioprina, ma nessuno dei decessi era correlato al trattamento.

Tocilizumab ha ridotto significativamente il rischio di una recidiva di disturbo dello spettro della neuromielite ottica successiva rispetto all'Azatioprina.
Tocilizumab potrebbe quindi essere un altro trattamento sicuro ed efficace per prevenire le recidive nei pazienti con disturbo NMOSD. ( Xagena2020 )

Zhang C et al, Lancet Neurology 2020; 19: 391-401

Neuro2020 MalRar2020 Med2020 Oftalm2020 Farma2020


Indietro