Vertigini
Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

Sicurezza ed efficacia di Eculizumab nella sindrome di Guillain-Barré


Nonostante l'introduzione della plasmaferesi e della terapia immunoglobulinica, molti pazienti con sindrome di Guillain-Barré presentano ancora una guarigione incompleta.
Evidenze da studi di patogenesi suggeriscono il coinvolgimento del danno del nervo periferico mediato dal complemento.
Sono state studiate la sicurezza e l'efficacia di Eculizumab ( Soliris ), un anticorpo monoclonale umanizzato contro la proteina C5 del complemento, in pazienti con forma grave di sindrome di Guillain-Barré.

È stato condotto uno studio di fase 2 randomizzato, multicentrico, in doppio cieco, controllato con placebo della durata di 24 settimane, presso 13 ospedali in Giappone.
I pazienti eleggibili con sindrome di Guillain-Barré avevano 18 anni o più e non potevano camminare autonomamente ( grado funzionale della sindrome di Guillain-Barré 3-5 ).

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 4 settimane di immunoglobulina per via endovenosa più Eculizumab ( 900 mg ) o placebo; la randomizzazione è stata effettuata per grado funzionale ed età.

Gli esiti primari erano l'efficacia ( la proporzione di pazienti con recuperata capacità di camminare in maniera indipendente, grado funzionale 2° inferiore, alla settimana 4 ) nel gruppo Eculizumab, e la sicurezza nel set completo di analisi.

Tra il 2015 e il 2016, 34 pazienti sono stati assegnati a ricevere Eculizumab ( n=23 ) oppure placebo ( n=11 ).

Alla settimana 4, la percentuale di pazienti in grado di camminare in modo indipendente ( grado funzionale 2 o inferiore ) è stata del 61% ( n=14 ) nel gruppo Eculizumab e del 45% ( n=5 ) nel gruppo placebo.

Eventi avversi si sono verificati in tutti e 34 i pazienti. 3 pazienti hanno avuto eventi avversi gravi: 2 nel gruppo Eculizumab ( anafilassi in un paziente ed emorragia intracranica e ascesso in un altro paziente ) e 1 nel gruppo placebo ( depressione ).
Non è stato possibile escludere la possibilità che anafilassi e ascesso intracranico fossero correlati a Eculizumab.
Non si sono verificati decessi o infezioni da meningococco.

La misura dell'esito primario non ha raggiunto il tasso di risposta predefinito. Tuttavia, poiché questo è un piccolo studio senza confronto statistico con il gruppo placebo, l'efficacia e la sicurezza di Eculizumab potrebbero essere studiate in studi clinici randomizzati e controllati di maggiore dimensioni. ( Xagena2018 )

Misawa S et al, Lancet Neurol 2018; 17: 519-529

Neuro2018 Farma2018


Indietro