Vertigini
Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

Prevenzione della vertigine parossistica posizionale benigna con integrazione di Vitamina-D


È stato valutato l'effetto della Vitamina-D e dell’integrazione di Calcio nella prevenzione delle recidive di vertigine parossistica posizionale benigna ( BPPV ).

È stato condotto uno studio di valutazione in cieco, multicentrico, controllato, randomizzato in 8 ospedali tra il 2013 e il 2017.
I pazienti con vertigine parossistica posizionale benigna confermata sono stati assegnati in modo casuale all'intervento ( n=518 ) o all'osservazione ( n=532 ) dopo trattamento di successo con manovre liberatorie di riposizionamento.

L'esito primario era il tasso di recidiva annuale ( ARR ).

I pazienti nel gruppo di intervento avevano assunto Vitamina-D 400 UI e 500 mg di Carbonato di calcio due volte al giorno per 1 anno quando il livello sierico di Vitamina-D era inferiore a 20 ng/ml.
I pazienti nel gruppo di osservazione sono stati assegnati a follow-up senza ulteriore valutazione o integrazione di Vitamina-D.

Il gruppo di intervento ha mostrato una riduzione dell'ARR ( 0.83 vs 1.10 recidive per 1 anno-persona ) con un rate ratio di incidenza di 0.76 ( P minore di 0.001 ) e un rate ratio assoluto di −0.27 dall'analisi intent-to-treat.

Il numero necessario da trattare ( NNT ) era 3.70. Anche la percentuale di pazienti con recidiva è stata inferiore nel gruppo di intervento rispetto al gruppo di osservazione ( 37.8 vs 46.7%, P=0.005 ).

L'integrazione di Vitamina-D e Calcio può essere presa in considerazione nei pazienti con frequenti attacchi di vertigine parossistica posizionale benigna, specialmente quando la Vitamina-D sierica è al di sotto della norma. ( Xagena2020 )

Jeong SH et al, Neurology 2020; 95: 1117-1125

Neuro2020 Farma2020


Indietro