Neurobase.it
Tumori testa-collo
XagenaNewsletter
Medical Meeting

Mortalità per malattie neurodegenerative tra ex calciatori professionisti


Disturbi neurodegenerativi sono stati riportati in atleti professionisti che hanno partecipato a sport di contatto.
L'incidenza della malattia neurodegenerativa tra ex calciatori professionisti non è stata ben caratterizzata.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo per confrontare la mortalità per malattia neurodegenerativa tra 7.676 ex calciatori professionisti ( identificati da database di giocatori scozzesi ) con quella tra 23.028 controlli della popolazione generale abbinati ai giocatori sulla base del sesso, dell'età e del grado di privazione sociale.

Le cause di morte sono state determinate dai certificati di morte. Sono stati inoltre confrontati i dati sui farmaci somministrati per il trattamento della demenza nei due gruppi.

In una media di 18 anni, sono morti 1.180 ex giocatori di calcio ( 15.4% ) e 3.807 controlli ( 16.5% ).
La mortalità per qualsiasi causa era più bassa tra gli ex giocatori che tra i controlli fino all'età di 70 anni ed è stata in seguito più alta.

La mortalità per cardiopatia ischemica era più bassa tra gli ex giocatori rispetto ai controlli ( hazard ratio, HR=0.80; P=0.02 ), così come la mortalità per tumore polmonare ( HR=0.53; P minore di 0.001 ).

La mortalità con malattia neurodegenerativa elencata come causa primaria è stata dell'1.7% tra gli ex calciatori e dello 0.5% tra i controlli ( subhazard ratio, cioè hazard ratio aggiustato per i rischi concorrenti di morte per cardiopatia ischemica e morte per tumore, 3.45; P minore di 0.001 ).

Tra gli ex giocatori, la mortalità con malattia neurodegenerativa elencata come causa primaria o contributiva nel certificato di morte variava in base al sottotipo di malattia ed era più alta tra quelli con malattia di Alzheimer ( hazard ratio ex giocatori vs controlli, 5.07; P minore di 0.001 ) e più bassa tra quelli con malattia di Parkinson ( HR=2.15; P=0.01 ).

I farmaci correlati alla demenza sono stati prescritti più frequentemente agli ex giocatori rispetto ai controlli ( odds ratio, OR=4.90; P minore di 0.001 ).

La mortalità con malattia neurodegenerativa elencata come causa primaria o contributiva non è variata significativamente tra portieri e altri giocatori ( HR=0.73; P=0.24 ), ma i farmaci correlati alla demenza sono stati prescritti meno frequentemente ai portieri ( OR=0.41; P=0.02 ).

In questa analisi epidemiologica retrospettiva, la mortalità per malattia neurodegenerativa è risultata più elevata e la mortalità per altre malattie comuni è stata più bassa tra gli ex calciatori scozzesi professionisti che tra i controlli abbinati.
I farmaci correlati alla demenza sono stati prescritti più frequentemente agli ex giocatori rispetto ai controlli.
Queste osservazioni devono essere confermate in studi prospettici di coorte abbinate. ( Xagena2019 )

Mackay DF et al, N Engl J Med 2019; 381: 1801-1808

Neuro2019



Indietro