Vertigini
Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

Malattie infettive trattate in ospedale e rischio di demenza


Si è ipotizzato che le infezioni aumentino il rischio di demenza. Gli studi esistenti hanno incluso una gamma ristretta di malattie infettive, si sono basati su brevi periodi di follow-up e hanno fornito poche prove del fatto che l'aumento del rischio sia limitato a specifici sottotipi di demenza o attribuibile a microbi specifici piuttosto che al carico di infezione.
È stato confrontato il rischio di malattia di Alzheimer e altre demenze in un'ampia gamma di infezioni batteriche e virali trattate in ospedale in due ampie coorti con lunghi periodi di follow-up.

In un ampio studio osservazionale multicoorte, l'analisi si è basata su una coorte primaria costituita da dati aggregati a livello individuale provenienti da tre studi prospettici di coorte in Finlandia ( Finnish Public Sector study, Health and Social Support study, Still Working study ) e una coorte di replicazione indipendente dalla UK Biobank.

Sono stati inclusi adulti residenti in comunità di 18 anni e oltre senza demenza all'ingresso nello studio.
Il follow-up è stato fino al 2012 nell’Health and Social Support Study, al 2016 nel Public Sector study e nel Still Working study e al 2018 nella coorte di replicazione.

Attraverso il collegamento ai registri ospedalieri nazionali dei ricoveri, è stata accertata l'esposizione a 925 malattie infettive ( utilizzando i codici della International Classification of Diseases decima revisione ) prima dell'insorgenza della demenza, ed è stata identificata la demenza incidente dai registri ospedalieri, dai diritti al rimborso dei farmaci e dai certificati di morte.

Gli hazard ratio ( HR ) per le associazioni di ciascuna malattia infettiva o gruppo di malattie ( infezione indice ) con demenza incidente sono stati valutati mediante l'uso di modelli di rischio proporzionale di Cox.
È stata quindi ripetuta l'analisi dopo aver escluso i casi di demenza incidente verificatisi durante i primi 10 anni dopo il ricovero iniziale a causa dell'infezione indice.

Dal 1986 al 2005, 260.490 persone sono state incluse nella coorte primaria e dal 2006 al 2010, 485.708 persone sono state incluse nella coorte di replicazione.

Nell'analisi di coorte primaria basata su 3.947.046 anni-persona a rischio ( follow-up mediano 15.4 anni ), 77.108 partecipanti hanno avuto almeno un'infezione ospedaliera prima dell'insorgenza della demenza e 2.768 hanno sviluppato demenza.

Il ricovero per qualsiasi malattia infettiva è stato associato a un aumento del rischio di demenza nella coorte primaria ( hazard ratio aggiustato, aHR=1.48 ) e nella coorte di replicazione ( aHR=2.60 ).
L'associazione è rimasta quando le analisi sono state limitate ai nuovi casi di demenza che si sono verificati più di 10 anni dopo l'infezione ( aHR=1.22 nella coorte primaria, la coorte di replicazione aveva dati di follow-up insufficienti per questa analisi ) e quando sono state considerate le comorbilità e altri fattori di rischio di demenza.

C’è stata evidenza di una associazione dose-risposta tra il numero di episodi di infezioni trattate in ospedale e il rischio di demenza in entrambe le coorti ( P trend=0.0007 ).
Sebbene il maggior rischio di demenza sia stato osservato per le infezioni del sistema nervoso centrale ( SNC ) rispetto a nessuna infezione ( aHR=3.01 ), l'eccesso di rischio è stato evidente anche per le infezioni extra-SNC ( aHR=1.47 ).

Sebbene sia stata trovato poca differenza nell'associazione infezione-demenza per tipo di infezione, le associazioni sono state più forti per la demenza vascolare che per la malattia di Alzheimer ( aHR=2.09 rispetto a aHR=1.20 nella coorte primaria e aHR=3.28 rispetto a aHR=1.80 nella coorte di replicazione ).

Le infezioni gravi che richiedono cure ospedaliere sono associate a un aumento del rischio di demenza a lungo termine, compresa la demenza vascolare e la malattia di Alzheimer. Questa associazione non è limitata alle infezioni del sistema nervoso centrale, suggerendo che gli effetti sistemici sono sufficienti per influenzare il cervello.

L'assenza di specificità dell'infezione combinata con l'evidenza di relazioni dose-risposta tra carico di malattie infettive e rischio di demenza supporta l'ipotesi che l'aumento del rischio di demenza sia guidato da una infiammazione generale piuttosto che da microbi specifici. ( Xagena2021 )

Sipilä PN et al, Lancet Infectious Diseases; 2021; 21: 1557-1567

Inf2021 Neuro2021



Indietro