Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Emorragia intracranica sintomatica nei pazienti trattati con terapia anticoagulante orale non con antagonista della vitamina K


Il primo anticoagulante orale non-antagonista della vitamina K ( NOAC ) introdotto in Giappone è stato Dabigatran ( Pradaxa ) nel marzo 2011, e altri tre NOAC, Rivaroxaban ( Xarelto ), Apixaban ( Eliquis ), e Edoxaban ( Europa: Lixiana; USA: Savaysa ), sono attualmente disponibili.

Gli studi randomizzati controllati con i farmaci anticoagulanti non-antagonisti della vitamina K hanno rivelato che l'emorragia intracranica si verifica meno frequentemente con i NOAC rispetto al Warfarin ( Coumadin ).
Tuttavia, l'incidenza assoluta di emorragia intracranica associata ai NOAC risulta aumentata con un maggiore utilizzo di questi anticoagulanti.

I ricercatori hanno studiato l'incidenza, le caratteristiche cliniche, e il trattamento dei pazienti con emorragia intracranica associata agli anticoagulanti orali non-antagonisti della vitamina-K.

I ricercatori hanno analizzato in modo retrospettivo le caratteristiche dei pazienti sintomatici con emorragia intracranica trattati con NOAC nel periodo 2011-2014.

L’emorragia intracranica si è verificata in 6 pazienti ( 5 uomini, 1 donna; età media 72.8 ).
Il tempo medio di insorgenza è stato in media di 146.2 giorni dopo aver iniziato ad assumere un NOAC.
Cinque pazienti hanno ricevuto Rivaroxaban e 1 paziente ha ricevuto Apixaban. Nessuno aveva ricevuto Dabigatran o Edoxaban.

In particolare, non è stata osservata alcuna espansione dell’ematoma entro 24 ore dall'inizio in assenza di infusione di plasma fresco congelato, concentrato di complesso protrombinico attivato, fattore VIIa attivato ricombinante o emodialisi.

Quando la terapia con anticoagulanti orali non-antagonisti della vitamina-K è stata iniziata, i punteggi medi alle scale HAS-BLED e PANWARDS erano pari, rispettivamente, a 1.5 e 39.5.
La pressione arteriosa sistolica media era pari a 137.8 mmHg entro 1 mese prima dall'insorgenza spontanea di emorragia intracranica.

In conclusione, sei emorragie intracraniche sintomatiche si sono verificate precocemente dopo terapia con NOAC ma il volume dell'ematoma era piccolo e non si è espanso in assenza di infusione di agenti di inversione o della emodialisi.
Il verificarsi di emorragia intracranica durante la terapia NOAC è possibile anche in presenza di un accettabile controllo della pressione arteriosa sistolica media ( 137.8 ± 15.9 mmHg ) e punteggio HAS-BLED inferiore o uguale a 2.
Una più rigorosa riduzione della pressione sanguigna e un più stretto controllo nel range accettabile può essere consigliabile per evitare emorragia intracranica durante la terapia con anticoagulanti orali non-antagonisti della vitamina-K. ( Xagena2015 )

Akiyama H et al, PLoS One 2015; 10 (7): e0132900

Neuro2015 Cardio2015 Farma2015


Indietro