Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Associazione tra malattie cardiovascolari ed esposizione a lungo termine all'inquinamento atmosferico con il rischio di demenza


Evidenze emergenti ma contrastanti associano l'inquinamento atmosferico alla demenza incidente e il ruolo potenziale delle malattie cardiovascolari in questa associazione non è ben definito.

È stata studiata l'associazione tra esposizione a lungo termine all'inquinamento atmosferico e demenza, ed è stato valutato il ruolo delle malattie cardiovascolari in tale associazione.
I dati per questo studio di coorte sono stati estratti dallo studio SNAC-K ( Swedish National Study on Aging and Care in Kungsholmen ), uno studio longitudinale basato sulla popolazione con valutazioni di base dal 2001 al 2004.

Dei 5.111 residenti selezionati nel distretto Kungsholmen di Stoccolma ( Svezia ) in modo casuale di 60 anni o più e che vivevano a casa o in istituti, 521 non erano ammissibili, ad esempio a causa di morte prima dell'inizio dello studio o per mancanza di informazioni di contatto.

Tra i restanti 4.590 individui, ne sono stati valutati 3.363 ( 73.3% ). Per l'attuale analisi, sono stati esaminati 2.927 soggetti che non avevano demenza al basale, con follow-up fino al 2013 ( tempo medio di follow-up 6.01 anni ).

Due principali inquinanti atmosferici ( particolato inferiore o uguale a 2.5 microm [ PM 2.5 ], e ossido di azoto [ NOx ] ) sono stati valutati annualmente dal 1990, utilizzando modelli di dispersione per livelli all'aperto presso gli indirizzi residenziali.

Il potenziale di malattie cardiovascolari, cioè fibrillazione atriale, cardiopatia ischemica, insufficienza cardiaca e ictus, per modificare e mediare l'associazione tra l'esposizione a lungo termine all'inquinamento atmosferico e la demenza è stato testato utilizzando analisi stratificate e modelli strutturali generalizzati.

Al basale, l'età media dei 2.927 partecipanti era di 74.1 anni e 1.845 ( 63.0% ) erano donne.
Sono stati identificati 364 partecipanti con demenza incidente.

Il rischio di demenza è aumentato fino al 50% per differenza di intervallo interquartile nei livelli medi di inquinanti durante i 5 anni precedenti presso l'indirizzo di residenza ( hazard ratio [ HR ] per differenza di 0.88 microg/m3 PM 2.5, 1.54; HR per differenza di 8.35 microg/m3 NOx, 1.14 ).

Insufficienza cardiaca ( HR per PM 2.5, 1.93; HR per NOx, 1.43 ) e cardiopatia ischemica ( HR per PM 2.5, 1.67; HR per NOx, 1.36 ) hanno aumentato il rischio di demenza, mentre l'ictus è sembrato essere la condizione intermedia più importante, spiegando il 49.4% dei casi di demenza correlata all'inquinamento atmosferico.

Secondo lo studio l'esposizione a lungo termine all'inquinamento atmosferico è stata associata a un rischio più elevato di demenza.
L'insufficienza cardiaca e la cardiopatia ischemica sono sembrate aumentare l'associazione tra inquinamento atmosferico e demenza, mentre l'ictus è apparso essere una importante condizione intermedia tra l'associazione dell'esposizione all'inquinamento atmosferico e la demenza. ( Xagena2020 )

Grande G et al, JAMA Neurol 2020; 77: 801-809

Neuro2020 Cardio2020



Indietro