Vertigini
Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

Fattori di rischio per la mortalità per tutte le cause dopo la diagnosi di aneurismi intracranici non-rotti


Sono state studiate tutte le cause di mortalità e i fattori di rischio di morte dei pazienti con aneurismi intracranici non-rotti in uno studio di follow-up a lungo termine.

Sono stati inclusi in questo studio in totale 142 pazienti con 181 aneurismi intracranici non-rotti, diagnosticati tra il 1956 e il 1978, quando gli aneurismi intracranici non-rotti non erano trattati.

I pazienti sono stati seguiti fino alla morte o fino al 2011-2012.
Sono stati studiati i tassi di mortalità e i fattori di rischio.

Durante 3.530 anni-persona, 113 ( 80% ) erano morti, con una mortalità media annua del 3.2%.
Di questi, 19 ( 17% ) sono morti di rottura dell'aneurisma da aneurisma intracranico non-rotto, 6 ( 5% ) per altre cause legate all’aneurisma, e 2 ( 2% ) di emorragia subaracnoidea non-specificata.

I restanti 86 sono morti per cause non-correlate ad aneurismi intracranici.

Il tasso di mortalità cumulativa è stato del 20% a 10 anni e 60% a 30 anni.

I fattori di rischio indipendenti per la successiva morte sono stati età del paziente ( hazard ratio aggiustato, HR=1.09 per anno, P minore di 0.001 ), sesso maschile ( HR=2.81, P minore di 0.001 ), uso di alcol ( HR=4.22, P minore di 0.001 ) e fumo di sigaretta ( HR=1.72, P=0.064 ).

La storia di ipertensione, la storia familiare di emorragia subaracnoidea e il diametro di aneurismi intracranici non-rotti hanno predetto la morte solo nell’analisi univariata.

In conclusione, nei pazienti in età lavorativa con un aneurisma intracranico non-rotto, il consumo di alcol e il fumo di sigaretta sono i fattori di rischio modificabili per la morte prematura attraverso diverse cause e dovrebbero essere presi in considerazione quando viene considerato il trattamento. ( Xagena2015 )

Juvela S, Lehto H, Neurology 2015;84:456-463

Neuro2015



Indietro